Le curiosità de l’orologiaio miope – Lisa Signorile

Titolo: L’orologiaio miope

Autore: Lisa Signorile

Casa editrice: Codice Edizioni

“Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sugli animali…che nessuno conosce” è il sottotitolo de L’orologiaio miope, il libro di Lisa Signorile che svela al lettore alcuni degli animali più stravaganti presenti sulla Terra. Alcuni sono talmente tanto incredibili da sembrare inventati o addirittura usciti da qualche strampalato sogno o qualche agghiacciante incubo. Invece sono tutti animali realmente esistenti. Alcuni sono rari, altri sono molto comuni ma poco conosciuti o dalle dimensioni talmente ridotte da non essere visibili a occhio nudo (e quindi solitamente e ingiustamente ignorati), ma sono tutti animali realmente esistenti e viventi. E tali dovrebbero rimanere, poiché il rischio per molti di essi è l’estinzione. Un grazie quindi a questo libro e alla sua autrice che hanno permesso a molti di innamorarsi delle meraviglie del mondo animale.

L’orologiaio Miope di Lisa Signorile.

Non è proprio possibile non restare a bocca aperta di fronte alle meraviglie naturalisticheraccontate da Lisa Signorile in “L’orologiaio miope”, il quale fa comprendere in modo ermetico parte del proprio contenuto già a partire dal titolo. Infatti esso è un rimando al famoso libro “L’orologiaio cieco” di Richard Dawkins (dove viene data una spiegazione dei processi evolutivi) in cui la selezione naturale e i modi in cui opera l’evoluzione vengono paragonati all’operato di un orologiaio cieco (concetto contrapposto all’idea dell’esistenza di un disegno divino di qualsivoglia genere).

Molto spesso vengono considerati inquietanti, a volte orribili, gli animali che vivono in ambienti estremi poiché non ci risulta possibile compararli a nulla di tutto ciò che conosciamo. Inoltre troppo spesso l’unico mezzo di paragone risulta essere rappresentato da noi stessi. Talvolta ci sconvolgono le abitudini, a volte il comportamento, l’aspetto o la dieta. Tuttavia, non possiamo fare a meno di rimanere affascinati da questo mondo tanto delicato quanto resistente, ma dal bisogno di essere salvaguardato.

Foto di Sara Biancardi
Testo di Emmanuele Occhipinti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.